Aggiungi ai Preferiti

Il Potere della gratitudine

Essere grati delle emozioni positive che ci capitano quotidianamente o per le cose anche piccole che già possediamo non è sempre ben saldo nella nostra mente. A causa dello stress, del lavoro, degli impegni e della ricerca del successo o della perfezione, spesso sottovalutiamo quello per cui dobbiamo essere grati.

Praticare la gratitudine significa assumere in modo costante un atteggiamento di felicità. Ti è mai capitato di essere felice per eventi o situazioni apparentemente banali? Di apprezzare un tramonto, il profumo del bucato o un brano musicale?

Iniziamo con una semplice regola basilare che spesso dimentichiamo: dire “grazie”.

Questo tipo di emozioni non sono così semplice da ottenere, soprattutto quando ci sentiamo preoccupati, demotivati o stressati. Esistono però tecniche efficaci per “ingannare” il nostro cervello e costringerlo ad entrare in una condizione di gratitudine.

Semplici tecniche per praticare gratitudine

Diario per annotazioni personali
Avere un diario personale può essere una buona occasione per praticare la gratitudine. Ogni giorno, prima di andare a dormire, scrivi 3 cose per cui sei grato nel corso della giornata. Non deve per forza essere qualcosa di eclatante o eccitante, ma semplicemente tre eventi o situazioni che ti sono capitate e senza le quali la tua vita sarebbe stata un po’ peggiore. Esempi possono essere: un buon pasto, una chiacchierata stimolante, un piccolo successo/soddisfazione oppure, da non sottovalutare, l’essere in salute.

Usare i sensi
Nel corso della giornata concentrati sulla tua abilità di percepire il mondo che ti circonda e sii grato per: un paesaggio particolarmente gradevole (vista), un nuovo brano musicale (udito), il profumo del pane appena sfornato (olfatto), il sapore di una pietanza prelibata (gusto), una carezza sulla tua pelle (tatto).

Ripetere un mantra
Un mantra è una frase, generalmente breve, che va continuamente ripetuta. Scegli un mantra che ti ispira particolarmente e che è in grado di suscitare dentro di te un sentimento di gratitudine e ripetilo nel corso della giornata e quando ne senti necessità.

Oppure ascolta la nostra Meditazione di “Rilassamento per l’immagine positiva di sé” di Respira-Profondo.it per essere più consapevole e più grato.

Essere grati: quando, dove, come e perché

Sempre.
Al mattino appena svegli, durante la giornata, prima di addormentarci. Nei momenti felici e in quelli tristi. Sempre! Sembra che quando la nostra salute vacilla, ci rendiamo conto di che fortuna avevamo prima quando eravamo in salute. La morte di un membro della famiglia ci fa assaporare la dolcezza dei membri sopravvissuti. Non aspettiamo il momento difficile. Non perdiamo tempo per essere grati.

Nelle piccole cose.
Non servono grandi successi per essere grati. I grandi successi sono rari e non possiamo perdere tempo sperando di raggiungerli. Notiamo e riflettiamo sulle piccole cose positive che ci accadono quotidianamente o su quelle che già possediamo. Non diamole mai per scontate e non sottovalutiamole.

Esprimendo emozioni.
Non essere silenzioso. Esprimi le tue emozioni di gratitudine. Aiuta e spiega agli altri nei momenti di difficoltà come essere grati delle piccole cose. Gratitudine chiama gratitudine.

Per scelta.
La gratitudine è una scelta. Scegli di sentirti meno stressato. Scegli di essere più grato, più sereno e soprattutto più felice.

Ora rifletti. Per cosa puoi essere grato oggi? Quali emozioni di gratitudine provi? Nota come ti senti più sollevato e felice quando sei grato.

Leggi anche il nostro articolo del blog: “Gratitudine: il segreto della felicità“, clicca qui.

Aggiungi ai Preferiti

AGGIUNGI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here